adartecalcata@gmail.com 0761 588117 347 6924077 347 7327201

Aiutaci a realizzare un'estate di teatro e cinema contro corrente

SOSTIENI IL NOSTRO FESTIVAL
Untitled-2
02 SETTEMBRE 2018
ore 16.30
OH MIO DIO !

CON: Carlo Caprioli, Anna Maria De Luca, Giulia Gualano, Stefano Fregni, Vanni Fois, Alessio De Persio, Daniele Monterosi, Dario Masciello, Mimmo Ruggiero


TRAILER

SINOSSI

Visto come stanno andando le cose sulla Terra, Gesù decide di tornare per riportare la sua parola al centro dell’attenzione e proclamare l’imminente arrivo del Regno dei Cieli. Solo che questa volta sceglie di lasciare una testimonianza video del suo passaggio terreno, arruolando due cameraman che lo seguono costantemente. Così Gesù arriva a Roma e comincia la sua predicazione. Peccato però che proprio nella città dove sorge la sua chiesa si scontri con l’indifferenza delle persone che lo trattano come l’ultimo dei reietti. Ma Gesù non si scoraggia e per dare dimostrazione della sua potenza attraversa il Tevere camminando sulle acque proprio sotto il Vaticano. Il clamore mediatico dell’evento gli consente di radunare a sé dodici seguaci che lo aiutano nella predicazione. Ma, nonostante i miracoli che continua a compiere, la società contemporanea è troppo smaliziata e tutti pensano che si tratti di una messinscena ben organizzata.

Insomma, preparare le persone all’imminente avvento del Regno dei Cieli si dimostrerà un’impresa molto più ardua di quella che affrontò 2000 anni fa.

NOTE DI REGIA

La curiosità sul tema della “Parusia” è nata un po’ per caso, molti anni fa, durante il corso di Sociologia delle Religioni che faceva parte del mio piano di studi universitario. Dopo aver dato l’esame, il pensiero sul tema della Parusia continuava a lavorare nella mente come un tarlo, fino a quando, qualche anno fa decisi che i tempi erano maturi per provare a lavorare su questa idea, e cioè: “cosa accadrebbe se davvero tornasse Gesù per la Parusia?”.

Alla fine, dopo oltre vent’anni da quella scintilla, sono riuscito a realizzare il film!

Nel mio modo di lavorare sulla sceneggiatura, però, l’idea non è mai sufficiente, anzi. Ho sempre bisogno di appoggiarmi a un tema. E con un’idea di partenza
così forte e originale, avevo bisogno di un tema altrettanto solido, altrimenti correvo il rischio che l’idea potesse fagocitare il tema.

Partendo dalle parole di San Massimiliano Kolbe sul “veleno dell’indifferenza” e trovando spunto dalla cronaca che raccontava la mobilitazione di un intero paese contro un pullman che doveva accompagnare venti donne richiedenti asilo in un centro d’accoglienza, ho capito quale doveva essere il mio punto di partenza. Ossia provare a mettere in evidenza il sincretismo ideologico di una società che si definisce cristiana e cattolica, ma che poi, nei fatti, si comporta in maniera esattamente opposta.

Grazie allo stile del mockumentary, con il quale ho alternato scene girate con la telecamera sia dichiarata che nascosta (come in una vera e propria candid camera) ad altre che seguivano un preciso schema narrativo, con ‘Oh Mio Dio!’ ho provato a raccontare il viaggio di questo sedicente Messia che dice di essere  tornato una seconda volta per annunciare la Parusia.

Troverà qualcuno disposto a credergli?

 

Leggi il pressbook di OH MIO DIO!

 


Inviando la presente richiesta dichiaro di avere letto e accettato la  Privacy e Cookie Policy