adartecalcata@gmail.com 0761 588117 347 6924077 347 7327201

Aiutaci a realizzare un'estate di teatro e cinema contro corrente

SOSTIENI IL NOSTRO FESTIVAL
Untitled-2
14 LUGLIO 2016
ore 17,00
ERETICAMENTE: Vincenzo Artale

ERETICAMENTE

SERVONO ANCORA GLI SCIENZIATI (liberi)?

lo scienziato è considerato un soggetto sociale inadeguato, è ancora troppo impregnato della cultura del XX secolo, è poco propenso ad abbracciare la modernità? questa figura ingombrante è ancora necessaria? è forse inadeguata alle esigenze sempre più opprimenti della globalizzazione? quanto il rischio della sua sopravvivenza come libero espressione del pensiero umano può essere considerato un sintomo recente delle debolezze della democrazia, amplificate dalla crisi economica?

Per rispondere occorre guardare al passato, facciamo degli esempi estremi: Volterra, grande matematico e primo presidente del CNR, il più importante ente di ricerca italiano e istituito durante il fascismo, che fine fece? dopo pochissimi anni fu costretto a dimettersi e incluso in quella fittissima (ben12!) schiera di professori che si opposero al fascismo.

Cosa si può nascondere dietro le apparenti innocue affermazioni, ormai usuali, quasi ad apparire dei luoghi comuni, del tipo : “la ricerca deve sostenere la crescita e le attività industriali e produttive”? nasce il dubbio che si celi invece la volontà di ingabbiare la creazione di conoscenza, troppo libera per sua natura da schemi e costrizioni di qualunque genere, che ci regala molto spesso quasi involontariamente straordinarie scoperte e rotture di paradigmi.

Questa imposizione di figura moderna di scienziato, basato soprattutto sul senso di colpa di non essere utile alla società e di evitare di essere considerato un parassita, ha curiosamente, un impatto straordinario, che piace molto a chi detiene il potere soprattutto economico, obbliga tutti a stare sulla stessa strada, sullo stesso cammino, di condividere lo stesso progetto politico, ad adattarci al conformismo, all’a-criticismo, realizzando una omologazione ideologica (economica) a grande scala.
Esiste un concreto rischio di concretizzazione nel modello di società moderna, senza che noi ce ne rendiamo conto, di elementi di fascismo e di autoritarismo diffuso, di pensiero unico ed omogeneo, addirittura a livello globale?

Se all’interno di queste considerazioni, guardando anche a ciò che sta avvenendo nel nostro paese, includiamo anche l’apparato educativo nel suo complesso, ecco che il panorama si tinge di ombre sempre più inquietanti, che lasciano pochi dubbi su quanto questa società omologata alla produzione di soldi, PIL etc., paradossalmente marginalizzi sempre più intellettuali, scienziati, considerati appunto eretici, così come tutti gli esseri umani che non sono interessati a diventare esclusivamente soggetti economici, ma desiderosi di valorizzare la propria natura umana.

 

VINCENZO ARTALE

ENZO ARTALE si è laureato in Fisica presso l’Università di Roma nel 1979; è dipendente ENEA dal 1984, dove ha ricoperto dal 1999 al 2015 diversi incarichi di responsabilità, ha trascorso presso istituti di ricerca sul clima diversi anni in Francia e negli Stati Uniti collaborando, all’interno di progetti internazionali, su tematiche relative ai cambiamenti climatici ed alla circolazione generale dell’oceano e del Mediterraneo.
Ha coordinato numerosi progetti nazionali ed internazionali; è autore di numerose pubblicazioni su riviste internazionali; ha svolto attività didattica seguendo in collaborazione con l’università di Roma, Torino, Genova e Napoli studenti e dottorandi.
Il 20 March 2008, ha ricevuto copia del certificato per il Premio Nobel per la Pace, vinto dall’IPCC nel 2007, in quanto ha contribuito significativamente al lavoro scientifico dell’IPCC; il 25 Ottobre 2007 è stato ricevuto dal Primo Ministro Romano Prodi and Ministro dell’Ambiente per il riconoscimento del suo contributo, come autore italiano del rapporto IPCC – AR4, al premio Nobel per la Pace 2007. Nel Dicembre 2014, è risultato il solo italiano selezionato per la posizione di Direttore del nuovo Dipartimento del ECMWF (leader mondiale nelle previsioni globali e a medium-range) sui Servizi Climatici.