adartecalcata@gmail.com 0761 588117 347 6924077 347 7327201

Aiutaci a realizzare un'estate di teatro e cinema contro corrente

SOSTIENI IL NOSTRO FESTIVAL
Untitled-2
WORKSHOP
15 - 16 luglio 2016
CORPOGRAFIE

AD ARTE 2016

presenta:

Workshop Teatrale

“CORPOGRAFIE”

a cura di

Prof. Enrico Pitozzi

(DAMS di Bologna)

Dal 15 al 16 luglio 2016

 

BREVE introduzione al  laboratorio :

Cosa significa percepire qualcosa? Sentire la consistenza delle cose. Avvertire la qualità dello spazio. Captare suoni vicini e suoni lontani. Affinando l’attenzione, prende forma tutta una gamma di particolari inespressi: appaiono – sfocati – gli enti che stanno al margine, sul bordo degli occhi. Si avverte, per esempio, la pressione dell’aria e la luce che riverbera in una sala; il suono del sistema nervoso. Compiamo, così, operazioni complesse in modo pressoché inconsapevole. In questo schema, la percezione – cioè l’insieme delle funzioni cognitive di un corpo – gioca un ruolo fondamentale: la percezione è già un’azione. A partire da questa semplice equazione scenica si determina la qualità della presenza di un corpo.

È dalla percezione che questo workshop intende ripartire per ripensare l’azione: percepire in modo diverso porta a comporre il gesto in modo inedito. Si tratta qui di pensare al corpo come una moltitudine di possibilità d’apparizione così come di mimetismo, metamorfosi, annullamento, dissolvenza, a partire da quella che chiamiamo archeologia del gesto, un’esplorazione della dimensione potenziale del corpo, anche in senso iconografico.

Tuttavia, questo è  possibile solo se si padroneggia la logica precisa di funzionamento sensoriale di un corpo. Conoscere il corpo è, come noto, uno degli aspetti più interessanti della scena contemporanea, capirne il funzionamento e, soprattutto, le possibilità che esso contiene e sviluppa, in modo da avere una consapevolezza maggiore dell’azione.

In questo quadro, lo spazio diventa il principale elemento con il quale il corpo dialoga per comporre l’immagine scenica e comunicare così con lo spettatore. Si tratta qui di pensare il movimento in base ai piani orizzontali di rotazione di ogni articolazione e fare dell’anatomia una costellazione. Comporre il movimento significa, in altri termini, disegnare lo spazio intorno al corpo: disporre il movimento come una traccia impressa nel volume invisibile dell’aria.

Questi argomenti saranno dunque trattati e discussi in un’indagine pratico-teorica condotta con i partecipanti attraverso una serie di esercizi, così da poter analizzare la prassi teatrale e coreografica in tutte le sue possibili forme e declinazioni, anche grazie alla proiezione e discussione di materiali video tratti dalla scena nazionale e internazionale.

Tale seminario è pensato per integrare la formazione di professionisti e non (attori, danzatori, coreografi e performer) oltre a ricercatori, studiosi afferenti alle arti sceniche.

 

C.V. Del docente   :

Enrico Pitozzi insegna “Forme della scena multimediale” presso il Dipartimento delle Arti Università di Bologna ed “Estetica delle Interfacce” alla Scuola di Nuove Tecnologie dell’Arte presso l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano. È stato visiting professor presso la Faculté des Arts de l’Université du Québec à Montréal, UQAM (Canada) e visiting lecturer presso l’Université Sorbonne Nouvelle – Paris III (Francia) nel programma europeo Teaching Staff Training 2013 e presso l’Universidad Internacional Menendez Pelayo de Valencia (Spagna). Tiene seminari e conferenze presso diverse Istituzioni e Università in Canada, Brasile, Europa. È membro del progetto di ricerca “Performativité et effets de présence” dell’UQAM (Canada); del progetto di ricerca « Poéticas Tecnologicas » de l’Universidade Federal de Bahia (Brasile) oltre che del “MeLa research lab” dello IUAV di Venezia. Ha animato il seminario interno alla 37° Biennale del Teatro di Venezia 2005 diretta da Romeo Castellucci. Ha partecipato nel 2013 e nel 2014 – in qualità di docente – al progetto Biennale danza College della Biennale di Venezia, Settore Danza, diretto da Virgilio Sieni. Dirige attualmente – con la coreografa Simona Bertozzi e l’associazione Arboreto – il progetto di formazione Volcano per danzatori, presso il Teatro Dimora di Mondaino.

Tra le pubblicazioni ricordiamo, in collaborazione con A. Sacchi, Itinera. Trajectoires de la forme Tragedia Endogonidia, Arles, Actes Sud, 2008; On presence, in « Culture Teatrali », n. 21, 2012; Corpograficos, in M. Isaacsoon e W. Lima Torres Neto (dir.), Corpo, performance, tecnologia, Porto Alegre, UFPR, dicembre 2012; Perception et sismographie de la présence, in J. Féral (dir.), Le réel à l’épreuve des technologies, Rennes, Presses de l’Université de Rennes, 2013; Topologies des corps, in J.P. Massuet, M. Grosoli (dir.), La capture de mouvement, ou le modelage de l’invisible, Rennes, Presses de l’Université de Rennes, 2014. Magnetica. La composizione coreografica di Cindy Van Acker / La composition chorégraphique de Cindy Van Acker / The choreographic composition of Cindy Van Acker, Macerata, Quodlibet, 2015. Bodysoundscape. Perception, movement and audiovisual in contemporary dance, in Yael Kaduri (dir.), The Oxford Handbook of Music, Sound and Image in the Fine Arts, Oxford, Oxford University Press, 2016.

Programma

Il workshop  si focalizza  sulla pratica e il pensiero del corpo sulla scena contemporanea, nello specifico:

1)   approccio interdisciplinare al corpo in azione (filosofia-estetica, neuroscienze);

2)  analisi del movimento e della percezione;

3) elementi per una archeologia del gesto;

4) composizione dello spazio scenico;

5) modi e forme di composizione della presenza scenica;

6) principi di relazione con lo spettatore: empatia;

 


Quando: 15 – 16 luglio 2016

Dove: Calcata (VT)

Orario:  venerdì  15  luglio 14,00-20,00   

sabato  16 luglio   Matt:  10.30 – 13.30  /   14.30 – 18.30

Docente: Prof. ENRICO PITOZZI(DAMS di Bologna)

Data scadenza iscrizione :  entro e non oltre il 1° luglio

numero minimo partecipanti: 10

per info e prenotazioni: adartecalcata@gmail.com

Quota di iscrizione :  200 euro per due giorni di laboratorio  (comprensivo di un pernotto per gli allievi)

Acconto di 75 euro da versarsi entro e non oltre il 1 luglio  sul conto di

ASS.NE CULT. DILLINGER 

C.F. : 97596720587

BCC di Ronciglione 

IBAN : IT 39Y0877873190000002329103

Nella causale specificare  “acconto per workshop  CORPOGRAFIE.

La ricevuta di avvenuto bonifico dovrà essere inviata a conferma di prenotazione all’indirizzo email sovrastante


I partecipanti avranno diritto a biglietti ridotti  per tutti gli spettacoli e le

proiezioni cinematografiche del festival